Sull’assedio della Ghouta

Nella giornata dei Diritti Umani Razan compare in questo video per parlare dell’assedio della Ghouta Orientale da parte del regime siriano, assedio che stava vivendo in prima persona. Nonostante l’assedio, portava avanti, con altri attivisti, progetti con la popolazione del luogo, soprattutto con le donne. (La notte tra il 9 e il 10 dicembre del 2013, Razan veniva rapita insieme a suo marito Wael Hamada, gli attivisti Samira Khalil e Nazim Hamady. I 4 sono stati addotti dall’ufficio del Violation Documentation Center, a Douma, nella Ghouta Orientale. Del loro destino non si sa nulla).

Precedente ISIL e il dottore rivoluzionario rapito Successivo Tre giorni di speranza