La situazione nel novembre 2011

Razan ancora una volta in collegamento con il programma Democracy Now per raccontare la Siria ad 8 mesi dall’inizio delle proteste. Più di 40.000 vittime e la tanto attesa condanna della Lega Araba che avrebbe dovuto portare ad azioni decisive anche da parte della comunità internazionale.

Precedente Memorie della rivoluzione: Homs Successivo In una lotta non violenta, le nostre munizioni sono le persone